La perfezione del caos

Posts Tagged ‘Società’

Si vis pacem | lupara bellum | per omnia sicula | siculorum. Amen

Posted by Neliana su marzo 19, 2009

“Non mi chiedete chi sono i politici compromessi con la mafia perché se rispondessi, potrei destabilizzare lo Stato”.

(Tommaso Buscetta rivolgendosi a Giovanni Falcone)

Posted in Pensieri "impegnati", Riflessioni | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Una società in direzione ostinata e contraria

Posted by Neliana su marzo 9, 2009

Tinturia – De Generatione

santino1

Il mio paese d’origine conta circa 90000 abitanti, cittadina tranquilla che da parecchi anni si orienta a Sinistra, nonostante l’ultima amministrazione comunale. Quando ci vivi per 18 anni, percepisci che in quel modo di vivere, di gestire una città, di votare, di pensare la politica c’è qualcosa che non va. Quando la lasci per apprendere realmente cosa non funzioni in quella realtà, realizzi più di quanto avresti immaginato. Il problema principale?

Forse non penso sia la politica in tutto e per tutto, credo sia la società, quella strana massa di gente ancorata a tradizioni, modi di vivere, modi di pensare di parecchi decenni fa; la stessa gente che considera le elezioni come una delle poche opportunità per richiedere un favore, un posto di lavoro al potente di turno, che poi francamente di potente ha realmente poco.

I periodi di campagna elettorale sono i più interessanti, vedi le banderuole schierate davanti il vincitore di turno, candidati che non sanno neppure cosa sia un programma politico, vedi promettere più di quanto potrebbero anche solo immaginare. L’episodio più incredibile mi capitò nella scorsa campagna elettorale per l’elezione del consiglio provinciale.

Leggi il seguito di questo post »

Posted in Pensieri "impegnati" | Contrassegnato da tag: , , , | 5 Comments »

Io non mi sento italiana…

Posted by Neliana su febbraio 8, 2009

Se la gioventù le negherà il consenso, anche l’onnipotente e misteriosa mafia svanirà come un incubo.

Paolo Borsellino

Spesso mi chiedo cosa succederà in un futuro prossimo, mi chiedo cosa dovrò raccontare ai miei figli e se soprattutto l’Italia mi darà tutti gli strumenti necessari per averne… Cosa dovrò raccontargli se mai un giorno mi dovessero chiedere perché siamo finiti con il sedere per terra, perché abbiamo ripetuto gli errori del passato, perché dagli anni ’90 non è cambiato nulla, perché siamo così sadici da voler toccare il fondo…Mi auguro di riuscire a trovare le parole giuste per far capire che in fondo “spegnetela questa radio, voltatevi pure dall’altra parte, tanto si sa come vanno a finire queste cose, si sa che niente può cambiare. E diciamolo una volta per tutte che noi la mafia la vogliamo. Ma no perché ci fa paura, perché ci da sicurezza, perché ci identifica, perché ci piace.

Leggi il seguito di questo post »

Posted in Pensieri "impegnati" | Contrassegnato da tag: , , , | 2 Comments »

We don’t need no education!

Posted by Neliana su febbraio 3, 2009

universita-faenza_large

“Quello che bisogna fare subito, tutti insieme, riguarda soprattutto la politica interna degli Atenei”.

Mi chiedo a distanza di circa 2 mesi dall’ “Onda Studentesca” che fece scalpore in tutta la penisola trovando persino spazio oltre Italia, come mai quelle tanto care reti Mediaset, Rai, più monopolizzate che libere, non parlano più del problema istruzione che ad ogni cambio di Governo si ripresenta preciso e puntuale? L’attenzione  si è spostata verso altri problemi, chiaramente altrettanto importanti come Immigrazione o “pacchetto sicurezza vergogna”, ma è giusto affermare in tale sede che la legge 133 con relativo decreto 180 continua a vivere… Venne convertito il 6 Agosto 2008 e prevedeva una riduzione del FFO (Fondo di finanziamento ordinario) del 19.7% con tagli progressivi compensati dal blocco del turn-over (possibilità di sostituire il personale che andrà in pensione dal 20% al 50% nel 2012). Il 6 Novembre il Consiglio dei Ministri ha modificato leggermente la legge con il Decreto 180 assegnando circa 500 mln di euro alle università più meritevoli e modificando le composizioni delle commissioni per l’assunzione di nuovo personale, basato sul sorteggio da una lista a base nazionale. Tali provvedimenti assieme a quello dell’insegnante unico per le scuole elementari e medie ha alimentato una protesta dal carattere cangiante, poliedrico e imprevedibile.

L’onda è stata addirittura paragonata al movimento studentesco di fine anni ’60 poichè la protesta ha abbracciato le esigenze dei giovani, basti pensare che fino ai 25 anni non si può votare per il Senato, che secondo questo sistema elettorale è l’unica camera che fa la differenza, si può affermare che i giovani sono esclusi dalla politica. E’ proprio per questo motivo che i governi tagliano risorse all’istruzione e alla ricerca, favoriscono gli “insider” precarizzando i giovani nel mercato del lavoro, garantiscono alle generazioni anziane di oggi trattamenti pensionistici che noi non avremo garantiti.

Derek Bok afferma in maniera emblematica “if you think education is expensive, try ignorance”….

 

Posted in Pensieri "impegnati" | Contrassegnato da tag: , , , | 1 Comment »

Saffo vs Adone

Posted by Neliana su febbraio 3, 2009

hate_love_by_hiriell-copia-11 La narrativa passata e moderna, i media, le varie serie tv ci hanno bombardato con analisi sostanziali del mondo maschile e femminile. E’ una materia quella che non tramonta mai, e per quanto mi riguarda è una di quelle materie che affronto spesso con quel “femminismo” che è tipico di chi ha avuto troppi colpi al cuore per poter vedere davvero con occhi obiettivi. Sarebbe interessante andare ad analizzare le differenze sostanziali fra un uomo e una donna ma ritengo che la differenza reale è sul punto di scomparire, siamo diventati tutti “uomini” e soprattutto noi del “gentil sesso” abbiamo acquisito i difetti più grandi che da mezzo secolo critichiamo: ragioniamo come loro, ci comportiamo come loro, amiamo e odiamo come loro, con l’unica differenza corporale che poi sul piano reale diviene la più importante… Per tale motivo  essere donna nel 2009 è un gran privilegio, soprattutto in quella parte di mondo occidentale che è intrisa di “suffraggettismo” e “pari opportunità”.

Chi mi conosce bene sa che ad una domanda che riguarda le capacità di un uomo sarei in grado di rispondere: “L’uomo? l’essere più inutile del mondo…” chiaramente è la mia razionalità che parla in quel caso.  Su una cosa tuttavia, sono assolutamente certa: mai, nessun uomo o donna con qualunque tipo di esperienza negativa o positiva in fatto di sentimenti, non potrà non andare alla ricerca dell’altra parte della mela… Troverà comunque in quel cuore tanto strappato, percosso, sfruttato una minuscola parte dove riporre quel pizzico di fiducia che scaturirà in un sentimento “magico e velenoso”  che lo porterà ad avere un piede nella favola e l’ altro nell’abisso.

Posted in Femmes et Hommes | Contrassegnato da tag: , , | 4 Comments »