La perfezione del caos

Viaggio in treno…

Posted by Neliana su febbraio 18, 2009

on_the_train_by_jokerandthethief

Tutto ciò che conoscevo di quel treno regionale era la carrozza numero 2, nessuna numerazione altra o classificazione, solo libertà di scelta. Uno strano odore di bruciato mi distraeva e irritava. Sin dal passato il treno è sempre stato un mezzo magico e unico, capace di proiettarti al solo scrutare dai finestrini, improvvisamente, in mondi nuovi o in ricordi apparentemente dimenticati: case, paesaggi ti sfrecciano davanti ed è come se attivassero il tasto REWIND del cervello; inizi a rammentare il passato, scelte positive che continui ad ostentare con fierezza, altre negative che ti convinci ti abbiano plasmato e abbiano creato il “prodotto finito” che adesso sei. Nonostante allunghi sicuramente il nostro percorso, in una società in cui il tempo è paragonato alla “pietra filosofale”, l’aereo ha sicuramente accorciato i tempi e le distanze, ma allo stesso modo ha fatto perdere la “magia del viaggio”, ostentando invece l’omologazione delle mete, grazie a quegli aeroporti tutti uguali da Manila a Los Angeles. Il treno invece! Ogni volta è come se il paesaggio si rispecchiasse con la tua Anima, come se i tuoi occhi si perdessero in un mondo vago, senza forme o colori, solo in quell’istante ti rendi conto della desolazione di quei campi infiniti, stazioni abbandonate che sicuramente in un’altra vita hanno avuto  più gloria. Quell’alchimia che si crea con il paesaggio ti immerge, ti estranea dalla realtà, tanto che una semplice domanda come: “E’ libero?”, ti irrita, e risponderai solo per cortesia e non perché realmente tu voglia farlo. Ben presto ti rendi conto però quell’alchimia non è solo tua, ma universale, senza distinzione: prende tutti, anche solo per un attimo, percepisci quelle stesse sensazioni, anche solo guardando gli occhi degli altri passeggeri. Cerchi di non farti distrarre, il viaggio ti chiama, la vita ti rivuole, la realtà ti risveglia: “Si informano i signori passeggeri che fra qualche minuto arriveremo a Firenze Santa Maria Novella”.

Soundtrack:
Quando sarò capace d’amare – Giorgio Gaber
Annunci

Una Risposta to “Viaggio in treno…”

  1. Antonello said

    Ottima sintassi. Ottima semantica. 😉

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: